Articoli Recenti

I cuccioli all’aperto!!!!

Cari Amici,

In arrivo un video dei 4 cuccioli in Somalia nel nuovo recinto all’aperto! Siamo felici, sembrano contenti e giocherelloni e il nostro ringraziamento va ai due amici che se ne occupano. Uno è Günther, e l’altra Nujuum.

 Ecco quanto scrive la nostra responsabile, Patricia Tricorache (So you want a pet cheetah? -Facebook):

“Our four Somali cubs now have an outside space to play and get some sun, and they seem to enjoy it. Since cubs removed from the wild will have to live under human care, we will continue to make improvements to their living situation, especially as we know they will need more space as they grow bigger. This is why we work so hard to conserve cheetahs in the wild, where they belong. International Fund for Animal Welfare – IFAW Cheetah Conservation Fund (CCF)

#petcheetah #KeepcheetahsWild #SavetheCheetah”

Grazie a tutti questi amici impegnati e disinteressati!


Dona per questi cuccioli !!! 


Informazioni per i potenziali volontari

Date le richieste che arrivano ultimamente, fornisco ben volentieri alcune delucidazioni sul volontariato di veterinari/biologi/laureati e professionisti.
Noi dall’Italia diamo tutte le informazioni, ma per iscriversi al Centro, è necessario andare sul sito http://www.cheetah.org e cercare la voce attinente al volontariato, come “Working Guest and Internship” o “ Application Deadline” “ How much does it cost” (link: https://cheetah.org/you-can-help/internship/).
Le persone che hanno un titolo di studio come medici, veterinari , biologi, paramedici (anche se in Italia non esiste la stessa figura come all’estero) possono chiedere di fare volontariato specificando il periodo preferito, la durata del soggiorno e le capacità professionali. Il Cheetah Conservation Fund è ben felice di accogliere figure professionali utili, di cui si ha bisogno anche nel lavoro quotidiano. Il contributo dei professionisti è ben inferiore a quello dei semplici volontari senza alcuna formazione professionale (Working Guest). Quindi si richiede una somma corrispondente ad una donazione, e a vitto e alloggio per il periodo richiesto, che può’ facilmente trovare sia in inglese sul sito di cui sopra, che nel nostro sito http://www.savethecheetahsalviamoighepardi.wordpress.com alla voce in alto: “Quanto costa il volontariato?” che riporta esattamente quanto già si trova sul sito ufficiale.
Il Cheetah Conservation Fund non è un Centro turistico, anche se giornalmente accoglie i turisti di passaggio e offre visite guidate e game drive nel suo territorio, dove si vive l’esperienza di un vero e proprio safari in quanto si è nel mezzo della savana.
Ospita una quarantina di ghepardi orfani che provengono dalle più’ svariate situazioni, di solito la madre uccisa, animali feriti nelle trappole, o cuccioli trovati senza madre. Il CCF non ambisce a trattenere i suoi orfani nel Centro, e laddove possibile, e quando l’animale dimostra una spiccata attitudine alla caccia, procede alla liberazione in riserve private con cui collabora. Ma nel caso dei ghepardi residenti, si ha la possibilità di conoscerne le caratteristiche con la possibilità di partecipare alle varie attività “normali” come i controlli annuali o quelle impreviste come un ghepardo intrappolato dagli allevatori ( i ghepardi sono animali timidi che difficilmente si possono osservare in natura), dove il CCF interviene tempestivamente, e se non ci sono altre opzioni, si fa carico dell’animale ….e dei costi relativi!
Tuttavia, anche per i profani, senza alcuna preparazione di tipo scientifico, l’esperienza al CCF offre la possibilità di conoscere la realtà di un centro di eccellenza che prepara studenti, fa ricerca genetica, si occupa delle popolazioni locali, insomma, ha un approccio olistico e cerca di alleviare il conflitto predatori/umani con l’aiuto dei suoi cani pastori e con tante strategie formative  e censimenti di vario genere.
Per inviare o richiedere la domanda di partecipazione al volontariato, potete scrivere a ccfinfo@iway.na (Heike è la responsabile dei volontari) ed inviare dal sito ufficiale il questionario (application form) singolarmente per ogni persona. 
Essendo i mesi estivi i più’ gettonati, per il 2017 ritengo che non si possa certo trovare posto tra luglio e agosto, e solitamente i tempi di attesa si aggirano sui 30 giorni. Invece, in altri periodi si può’ magari anche trovare disponibilità.
Quindi consiglio di inviare comunque la richiesta, non è assolutamente impegnativa, ma può’ inserirvi  in una sorta di lista di attesa. 
Io consiglierei anche di navigare sul nostro sito italiano che raccoglie tutti gli otto anni di attività da parte nostra, e che vi darà un’idea di ciò’ che si fa al Centro.
Per il resto, potete richiedere informazioni di qualsiasi tipo in qualsiasi momento.
Con l’occasione segnalo un nostro evento del 10 giugno al Parco Le Cornelle, che magari potrà interessarVi. 

Betty von Hoenning O’Carroll
Cheetah Conservation Fund Italia

via Roma 145

I – 13812 CAMPIGLIA CERVO (BI)

Tel.: +39 609 7770

cell.: +39 339 3534001

bvonhoe@cheetah.org


Un viaggio per voi!

Cari Amici, per chi fosse interessato, eccovi un viaggio che vi porterà in Namibia e al Cheetah Conservation Fund.

Scrivetemi se siete interessati, si tratta di una buona occasione per conoscere la Namibia.

Namibia 2017


I nostri cuccioli in Somalia….come stanno?

Eccoli qua, e stringe il cuore vederli, anche se stanno abbastanza bene, mangiano, giocano e sono stati riuniti tutti insieme. Certo vederli al chiuso, senza la mamma, fa male…ma almeno sono salvi…senza il sequestro sarebbero certamente morti. Ora è stata preparata una bella recinzione per farli stare fuori, al sole e all’aria…avere contatti con la Somalia è un po’ difficile, Internet che va e viene, ma crediamo che ce la faranno, e sempre più’ crediamo che dovranno prima o poi ritornare là dove devono stare: nella boscaglia, e liberi.

Dona anche tu e farai la differenza!

Grazie! CCF Italia – IBAN:

IT42T0609022301000001000514

Biverbanca, via Torino 58, 13900 BIELLA – Bonifico intestato a Cheetah Conservation Fund Italia

I tenerissimi 4 moschettieri somali

Crescerà come deve? Con le cure giuste,    certamente!

Una buona collaborazione: IFAW e Cheetah Conservation Fund

I fratellini somali si stanno rimettendo dagli strapazzi del commercio illegale…

Il nuovo recinto è quasi pronto…

 


Un messaggio di Laurie Marker….


Le nostre statistiche: siamo cresciuti!

Ecco il diagramma delle visite al nostro sito: come potete vedere, siamo cresciuti, e tutto cio’ grazie a Voi, che ci avete seguiti e vi siete iscritti alla nostra newsletter!
Il nostro lavoro di sensibilizzazione riguarda tutti: gente di tutti i tipi, amanti degli animali, appassionati di Africa, turisti responsabili.
E a questo proposito, stiamo preparando una proposta di viaggio interessante che comprende anche una visita al Cheetah Conservation Fund.
Dunque, se vi iscrivete alla nostra newsletter, riceverete una mail quando pubblicheremo.
Purtroppo Mendel ci ha lasciati questa settimana, ma come tutti gli orfani del CCF, ha passato una vita felice, insieme ai suoi fratelli, e non ha subito lo stress della caccia…
Ma il lavoro continua, perchè l’habitat del ghepardo venga reso nuovamente tale da permettergli di vivere, e sopravvivere….!

Schermata 2017-05-25 alle 09.11.23


Corso Veterinary Life Support al Parco Le Cornelle il 10/11 giugno!

http://www.lecornelle.it/veterinary-life-support-lecornelle/