Articoli Recenti

TESS: partenza per una nuova esperienza!

Dopo 3 anni e mezzo di lavoro instancabile, Theresia Robitschko, in arte Tess, ci ha avvisati della sua partenza.

L’assistente di Laurie Marker, che viene dal Baden-Württemberg, è stata efficiente, infaticabile, appassionata e dedita al CCF come pochi.

Ma è giovane ed è giusto che si prenda una bella vacanza prima di tornare in patria, e così se ne andrà in Tailandia, Australia e Nuova Zelanda.

Di lei ricordiamo la gentilezza, la calma, la pazienza infinita (!) e il suo amore per i cani Pastori, i cavalli e i ghepardi!!

Buona fortuna Tess, e a presto!

Gli Amici del CCF Italia, riconoscenti per la bellissima lettera che ci hai scritto!


Storie di Africa vera

E’ una Storia che ho già raccontato, ma moltissimi di voi non erano ancora miei amici.

Siamo nel 2011 a Khwai in Botswana.

Stavamo girando qua e la’, quando incontrammo questa leonessa, insieme una figlia più giovane e 5 cuccioli. Sulle prime, facemmo moltissime foto ai piccoli: le due leonesse ci permisero di restare molto vicini a loro e per molto tempo. Inizialmente non ci accorgemmo della gravissima ferita della leonessa più anziana, ferita che le aveva anche compromesso un occhio. Pareva messa malissimo: quando il vento girava si sentiva l’odore dell’infezione che la stava uccidendo. Ce ne andammo con l’amaro in bocca, sicuri che sarebbe morta e con lei tutti i cuccioli, visto che quella rimasta non poteva sfamare e accudire

tutti.

Ma questa storia ha un secondo capitolo.

Due anni dopo tornammo nello stesso luogo e subito ci imbattemmo in un branco di 10-12 leonesse,il maschio doveva essere in giro. Il branco era disposto a mezzaluna attorno a una femmina anziana e molto magra. Quando ci muovemmo attorno a loro, restammo a bocca aperta: era Lei, ancora viva, messa ancora peggio, ma viva. Era riuscita a crescere i piccoli, altri ne erano nati ed aveva costruito un magnifico branco.

La Storia termina 2 settimane dopo e viene raccontata da un Ranger che assiste a una spaventosa lotta tra un inesperto branco di leoni, nello stesso luogo, e un gigantesco bufalo. Ci metteranno un giorno per ucciderlo.

Il Ranger racconta che accadde una cosa molto strana, contraria alle leggi della Natura: i leoni non si misero a mangiare subito, ma si misero ad emettere dei brevi ruggiti, quelli che si usano per chiamare i cuccioli. Dopo un po’ sbucò dai cespugli una vecchia leonessa, senza un occhio, molto malferma. Il branco la lasciò mangiare per prima, a sazietà. Quando si fu completamente saziata, si distese accanto al corpo del bufalo e gli altri leoni diedero inizio al banchetto. Inusuale…

Il mattino seguente Lei era ancora lì, accanto a quanto restava del bufalo: pareva dormisse, invece era morta.

Ci piace ricordarla, nessuno racconta mai le loro storie…

Lei era la vera Regina di Khwai, una Madre Indomita e Coraggiosa.

Andrea Meggiorin, Socio CCF Italia- Viaggiatore


Susan Yannetti del CCF in un suo contributo a Tusk.org. Da leggere!

http://www.tusk.org/userfiles/file/tusk-talks/TuskTalk2017_Web.pdf


Su GEO di questa settimana, la Namibia… e il CCF! Ma in Francia…

Cari Amici,
Eccovi il documento del numero di GEO magazine apparso in Francia questa settimana…e’ in francesce, ma parla di Namibia e di ghepardi. Del CCF, naturalmente. E fa venire voglia di partire…!
Buona visione!

Namibie and CCF FRENCH GEO FEVRIER 2018 N°468

Namibie and CCF FRENCH GEO FEVRIER 2018 N°468


Domani parte l’asta per i ghepardi con l’artista A.R.Centura!


The urgency to save the cheetah. – YouTube

https://www.youtube.com/embed/6F2QhLBoHjs


Il ghepardo asiatico

Meno di 50 in Iran…. ecco un esemplare. …. nello Zoo di Tehran.