Firoz Sama

Grande Garage Bazar a favore dei ghepardi!

Cari Amici,

Se siete in zona, domenica 7 agosto siamo presso la sede del CCF  a parlare di ghepardi e…. Vi aspettiamo!image


In visita la Cooperazione Turca al CCF !

image

image

 

 

Questa settimana un’altra visita al CCF da parte della TIKA, l’agenzia di cooperazione turca in Namibia. L’anno scorso ha donato al CCF un veicolo per il trasporto dei cuccioli ai farmer. Il direttore e coordinatore Dr. Cuneyt Esmer ha portato con se’ un giornalista che scriverà’ un articolo sul CCF.


Ambiente e sviluppo: Legati alla gestione sostenibile del territorio

Linking Environment and Development to Sustainable Land Management

06/23/2016 05:27 pm ET | Updated Jun 24, 2016
  • Dr. Laurie Marker Founder and Executive Director of Cheetah Conservation Fund
  • CHEETAH CONSERVATION FUND
    Harvesting thickened thorn bush for Bushblok

    Arable land per person is shrinking throughout the world. In Namibia, this is a huge problem. Open lands that have served as farmlands for decades and decades are being taken over by a native plant with thick, woody spines. This process is known as bush encroachment. Left unchecked, this plant (Senegalia sp) grows so aggressively it drains underground water tables and prevents other plants from thriving, degrading the land until it is not capable of supporting life. When this happens — or when large sand and gravel plains proliferate due to lack of grass, like the areas near Namibia’s coastline — these tracts of degraded land can merge together slowly over time and form a type of desert. This is termed desertification.

    Namibia’s erratic weather patterns and climate change compound the issue or arable land. If we get rain, it’s heavy thunderstorms. Wet days are usually followed by long periods of drought. On average, we’re experiencing fewer days with cooler temperatures and more days with hotter ones. And, by 2050, the population of sub-Saharan Africa is anticipated to double in size. More people means more livestock, more overgrazing and less arable land — leading to increased competition between humans and wildlife, with elevated levels of conflict.

    With a rural economy based on farming, and a human population that could as much as double in the next 34 years, Namibia and other countries in southern Africa need solutions. To address, the United Nations established its Convention to Combat Desertification in 1994 to link environment and development to sustainable land management practices. It specifically focuses attention on the drylands – arid, semi-arid, and dry sub-humid areas, where some of the most vulnerable human and wildlife populations are located. Its goals are to restore and maintain land and soil productivity and mitigate the impact of drought.

    At Cheetah Conservation Fund (CCF), we develop strategies and take conservation action to support the convention’s goals. In Namibia, migrations of animals are predicted to move east due to the drought cycles and problems with arable land. While distribution, abundance and spatial organization of most native game species are adversely impacted by thickened thorn bush and desertification, in Namibia, none are more so than the cheetah.

    Already fragile, Namibia’s cheetah population lives mostly on open farmlands and hunts by day. Farmers see cheetahs near livestock more than other predators, so cheetahs bear a disproportionate blame for livestock losses attributed to predation. This means cheetahs are more likely to be killed in misguided retaliation attempts or trapped and removed than other large carnivores, even though the other animals may have been responsible. Thickened thorn bush also presents a physical danger, as spiny branches sometimes cut cheetahs during high-speed hunts. We have seen many debilitating injuries, including cheetahs that have been blinded by thorn bush tearing into their cornea.

    CHEETAH CONSERVATION FUND
    Cheetah eye damage due to hunting in thick bush

    CHEETAH CONSERVATION FUND
    Cheetah eye damage due to hunting in thick bush

    To mitigate the impact of bush encroachment, prevent desertification, and restore balance to the cheetah’s ecosystem, CCF conducts activities in three key areas: farmer training, livelihood development, and habitat restoration.

    Since agriculture is strongly influenced by weather and climate, significant changes would affect a large portion of the population. An estimated 70% of Namibians rely on subsistence agriculture on communal lands, with an additional 10% involved in commercial farming. That’s four out of every five Namibians. But most have never had any type of education or training. To fill this need, CCF conducts a weeklong course for rural men and women farmers at our Field Research & Educational Centre in Otjiwarongo, Future Farmers of Africa. In additional to animal husbandry, valuation, and basic livestock veterinary care, the course teaches sustainable agricultural practices to reduce overgrazing and how to manage predators on farmlands with non-lethal means.

    To help rural citizens earn better livings and to have options that do not involve agriculture (which reduces the pressure of the country’s livestock populations on land), CCF offers several types of job training. CCF maintains The Dancing Goat, a creamery that’s part of our model farm operations used to teach the crafts of cheese, soap and fudge making. We’ve also launched a program to economically develop Hereroland, the rural communal lands adjacent to CCF. Our project is known as The Greater Waterberg Landscape Initiative, and we offer training in arts and crafts making, ecotourism ventures, and farmer training similar to Future Farmers, but conducted on the local level. The latest expansion to The Greater Waterberg Landscape Initiative is a training program for people who want to become para-veterinarians. As paramedics assist human populations, para-vets tend to basic health needs for livestock, and sometimes even wildlife.

    We estimate more than 26 million hectares of commercial and communal farmlands in Namibia have been severely impacted by bush encroachment since the 1950’s. Land productivity in some of these encroached areas has declined as much as 100%. To reverse bush encroachment and restore the habitat, CCF is returning to the ecosystem native species that consume Sengalia sp, such as black rhinos and giraffes. Not only are they helping control its spread, but having these species are important to maintaining a biodiversity in a healthy, balanced ecosystem.

    CCF is also combating the issue of encroachment through production of a biomass fuel log made from sustainably harvested thorn bush under the trade name Bushblok. Not only does this compressed wood pellet log help reduce bush density, but it also creates a clean-burning energy alternative that heats homes and supplies cooking fuel for residents of Sub-Saharan Africa, the majority of whom do not have electricity.

    CHEETAH CONSERVATION FUND

    CCF Bush restores land that’s been taken over, so cows may graze and cheetahs may safely hunt, and large landscapes remain intact for the benefit of the entire ecosystem. CCF is developing ecological standards for ramping up bush harvesting with the goal of restoring landscape-scale tracts of cheetah habitat throughout Namibia. The CCF Bushblok factory in Otjiwarongo provides 40 middle-class paying jobs for rural Namibians, with the potential to provide many, many more.

    Why Do All of This?

    By bringing together all stakeholders and including the needs of the human populations that share the cheetah’s ecosystems, the oldest yet most endangered big cat in Africa has the greatest chances for long-term survival.

    But if we ignore climate change and its impact to the environment, we will only make the cheetah even more vulnerable to the inevitability of extinction. To ensure its continued existence, we need to practice large landscape conservation planning, incorporating basic human and wildlife needs, for the benefit of all living creatures.


    FIROZ SAMA : Continuero’ a contrabbandare animali esotici!

    Firoz Sama -
    Firoz Sama è un uomo silenzioso, che pubblica foto allarmanti e crude di animali sofferenti sulla sua pagina di Instagram. Recentemente ha aggiunto 4 foto di cuccioli di scimpanzé tenuti prigionieri illegalmente in Africa.

    Come sempre, le foto sono state pubblicate senza alcun commento esplicativo. Tuttavia, Firoz ha lasciato sufficienti elementi per arrivare a qualche deduzione. Gli scimpanzé che pubblica sono stati contrabbandati dall’Africa nel 2014-15, e sono arrivati almeno fino al Golfo. Alcuni, forse tutti, sono stati riuniti da un amico della Guinea,  Aboubacar Traore, che li ha tenuti in un semplice rifugio a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo (DRC), che abbiamo soprannominato la “Stanza Blu”, Blue Room.
    Abbiamo dedotto tutto cio’ senza comunicare direttamente con Firoz. Le prove fornite dalle foto e da informazioni di terzi sono sufficienti per collegare i fatti. La settimana scorsa, tuttavia, Firoz ha abboccato e ci ha risposto su una Chat di un Social. Pur evitando riferimenti diretti ai cuccioli della Stanza Blu, è arrivato a chiarire che è stato implicato nel contrabbando degli animali, e non ha alcuna intenzione di smettere.
    “Se c’è chi vende, noi compriamo” ha scritto.
    Firoz ha anche sottolineato quanto detto da altri, che spediscono animali rari in tutto il mondo contravvenendo alla  CITES  e ad altre normative: in realtà, lui li salva da un destino molto peggiore. “Guardatevi intorno, in Africa….che cosa succede…” ha obiettato provocatoriamente.

    Insomma,Firoz si presenta astutamente non come finanziatore di una banda di cacciatori clandestini di animali selvatici africani, ma piuttosto come una specie di salvatore di specie esotiche. Firoz Sama incappa in piccoli scimpanzé orfani in condizioni di tremenda prigionia nella DRC, poi li porta via verso un futuro luminoso in città come Dubai, dove sono accolti, nutriti e persino vestiti.

    Certo, bersi queste affermazioni significa ignorare il ruolo di un intermediario abilitato come Firoz, e soprattutto, il potere dei soldi. La triste Stanza Blu con i suoi scimpanzé non esiste per il piacere di esistere – esiste perchè all’estero ce n’è richiesta. Se Firoz e un paio di altri non avessero inviato denaro con la promessa di altri pagamenti, non ci sarebbero stati animali da salvare.

    I trafficanti e gli intermediari sono compratori, e pur non essendo i compratori finali, sono loro che promuovono il business. Nessuna persona informata potrebbe concepire che un tipo come Firoz possa essere considerato un “salvatore”, ma probabilmente ha utilizzato questo mezzo con molti, e molti forse la bevono. I suoi amici su Facebook comprendono molte persone che si occupano di benessere animale.

    Tamila Basmanova, una trafficante che è stata arrestata per aver tentato di contrabbandare gibboni in Kuwait, ha assunto lo stesso atteggiamento di difesa quando ha parlato con noi alcune settimane fa. A quanto pare, i gibboni stanno meglio se vestiti e mostrati nella calura rovente del Kuwait piuttosto che lanciandosi dagli alberi nella rigogliosa foresta indigena.
    “In Kuwait gli animali sono piu’ al sicuro che in altri paesi perchè la gente è ricca e istruita”, scrive.

    Firoz ha insistito su un altro punto,laddove noi riteniamo i commercianti di animali illegali dei fuorilegge: fondamentalmente, lasciateci in pace, e pensate ai veri colpevoli. I veri colpevoli, secondo Firoz, sono i ricchi collezionisti di animali alla fine della catena di forniture, nel Medio Oriente, in Asia e altrove. “Dovete proprio venire nel Golfo,” afferma.
    L’abbiamo fatto, ma abbiamo scoperto subito che le porte dei collezionisti non si aprono a gente che è in odore di tutela animale. E non esiste ancora un’azione visibile da parte delle autorità del Golfo che veramente voglia bloccare il flusso di animali esotici illegali nella regione, nonostante qualche  dichiarazione farcita di belle parole sui loro preparativi per combattere i bracconieri e i loro clienti.

    Il fatto che Firoz Sama ci abbia parlato, la dice lunga. Anche se è un contrabbandiere, si sente sufficientemente al sicuro nella sua base operativa nel Golfo, da poter ammettere cio’ che effettivamente fa. Vede poche possibilità, o nessuna, di essere arrestato. E ha chiarito apertamente che se dipenderà da lui, il commercio orribile continuerà.  Le prove  venute a galla sono dimostrate dal suo partner africano che ha già rifornito la sua struttura con un nuovo gruppo di piccoli scimpanzé ; la comparsa di foto allettanti dei piccoli su Instagram – pur non provando successi del passato – provano che un altra spedizione aerea verso il Golfo è imminente. E’ un modo speciale per dirci di non sprecare il nostro tempo cercando di fermarlo.

    Sovrastando il chiasso di governi e ONG che proclamano la loro  “opposizione ferma” contro il traffico di animali , un pugno di criminali ci ride

    I am not a pet!

    I am not a pet!

    in faccia.

    #wildlife#illegal pet traffic#Emirates#Gulfstates#illegal hunters


    La mia prima Causa su Facebook…

    Cari Amici,
    Nel 2009 sono andata in Namibia, e ho in seguito abbracciato la missione del Cheetah Conservation Fund.

    In questa foto vedete la mia prima Causa che oggi esiste ancora ma non puo’ piu’ raccogliere fondi come avevo fatto: grazie ai Membri della mia Causa, -3274 – ho raccolto molto piu’ di 1100 dollari solo nel 2011 ….quando ho compiuto 60 anni.

    Oggi su Facebook ho solo 900 membri…le cause sono aumentate, la gente è distratta da tante cause e tutte giustissime…io mi chiedo sempre se riusciro’, ora che siamo una VERA associazione, a ritrovare le cifre che avevo raggiunto solo 7 anni fa….!

    Buona serata, e associatevi!

    My first Cause on Facebook-3274 Members


    Gli Emirati approvano un disegno di legge

     

    Nuovo disegno di legge approvato negli Emirati Arabi Uniti (UAE)

    Il Consiglio Federale Nazionale martedi’ scorso ha approvato un disegno di legge che vieta ai privati il possesso di animali selvatici e addomesticati ma pericolosi quali leoni, tigri, primati e scimmie, pitbull, mastini e cani giapponesi Tosa.

    La legge intende bloccare il commercio illegale ed il possesso di tutti gli animali selvatici e addomesticati che costituiscono un pericolo, cosi’ come stabilisce il disegno di legge che prevede l’approvazione finale del Presidente, Sua Altezza lo Sceicco Khalifa Bin Zayed Al Nahyan, prima di potere entrare in vigore.

    Thani Ahmad Al Zeyoudi, Ministro del Cambiamento Climatico e dell’Ambiente, ha affermato in Aula che tale legge sta a dimostrare l’impegno infaticabile degli Emirati Arabi Uniti nel bloccare il commercio illegale di fauna e flora selvatica.

    La legge prevede sanzioni dure per i colpevoli, compreso l’ergastolo e/o multe fino a 1 milione di Dh.

    Coloro che utilizzano gli animali per aggredire le persone, causandone la morte, saranno condannati all’ergastolo. Nel caso in cui tali attacchi provochino invalidità di vario genere, si prevedono pene fino a sette anni di carcere. Nel caso di lesioni di minore gravità, le condanne prevedono il carcere fino ad un anno e multe fino a 10.000 Dh, afferma la nuova legge.

    Secondo la nuova legge, coloro che usano gli animali per terrorizzare le persone, andranno incontro a pene carcerarie o a multe dai 10 mila a 400mila Dh.

    Oltre al divieto del possesso privo di licenze, la legge impone registrazioni piu’ rigorose di animali selvatici e addomesticati o meno. Impone altresi’ che tutti gli animali importati vengano registrati e debbano possedere certificati ufficiali, rilasciati da veterinari dell’UEA.

    Tutti i cani devono essere muniti di collare e guinzaglio quando si trovano in locali pubblici. Il guinzaglio (una briglia, una catena ) puo’ essere una corda o materiale simile assicurato al collo o alla testa dell’animale per bloccarlo o controllarlo.

    Colro che non sono in grado di controllare i propri cani in luoghi pubblici tenendoli al guinzaglio rischiano l’incarcerazione di non meno di un mese e non piu’ di sei mesi, unitamente ad una sanzione di Dh 10.000 fino a 500.000.

    Nel novembre del 2014, una nuova legge è stata approvata nella Sharia, che proibisce il commercio ed il possesso di animali esotici selvatici. Anche la riproduzione è stata vietata.

    Il nuovo disegno di legge stabilisce che la maggior parte degli animali selvatici non possono essere allevati in quanto soggetti a cambiamenti comportamentali imprevedibili, che possono essere incontrollati.

    Nella legge sono altresi’ specificate le misure relative alla registrazione di tutti i generi di animali importati, compresi anche i certificati della CITES ( Convention on International Trade in Endangered Species of Wild Fauna and Flora), unitamente a certificati ufficiali dei veterinari rilasciati negli Emirati Arabi Uniti.

    Una volta entrata in vigore, la nuova legge permetterà ai proprietari di mettersi in regola dal punto di vista legale entro un periodo di sei mesi, consegnando alle autorità i loro animali esotici selvatici.

    Samir Salama


    I nomi dei vincitori!

    Vincitori CCF Italia – Burcina


    Iscriviti

    Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

    Segui assieme ad altri 337 follower