Articoli Recenti

Una studentessa discute la tesi triennale sui ghepardi –

 ELISA FIMIANI di Genova, ha conseguito la settimana scorsa la laurea triennale in Allevamento e Benessere Animale presso la Facoltà di Medicina Veterinaria dell’Università degli Studi Statale di Milano, e ci ha gentilmente scritto la lettera che trascriviamo:
Buonasera! seguo sempre la vostra pagina e per questo mi fa piacere informarvi che ieri ho discusso la mia tesi (presso la facoltà di Medicina Veterinaria) relativa alla conservazione del ghepardo.. In seguito alle mie esperienze in Sud Africa è nato un forte interesse per questa specie.. Ho analizzato i diversi programmi di conservazione in-situ ed ex-situ del ghepardo, le problematiche legate alla cattività e all’eventuale reintroduzione. Ho riportato anche il vostro progetto del CCF . Spero di aver fatto capire alle persone ieri presenti quanto sia importante conservare questa specie e tutti gli altri animali, e di aver quindi in qualche modo contribuito alla salvaguardia di questo straordinario animale..
 
Ho studiato alla Statale presso la Facoltà di Medicina Veterinaria corso di laurea triennale in Allevamento e Benessere animale. 
  Ho svolto il tirocinio presso il Parco Faunistico La Torbiera dove sono presenti due esemplari femmine. Prossimamente invece vorrei tanto andare in Namibia al CCF.

ELISA FIMIANI, Milano

Non aggiungo nulla se non che siamo molto felici di questo risultato conseguito e invitiamo Elisa a continuare su questa strada. Abbiamo bisogno di giovani come lei!
ELISA FIMIANI

ELISA FIMIANI

Elisa Fimiani Indice della tesi E.Fimiani

 


Il nostro obiettivo: a quando la Corsa dei Ghepardi? di Betty von Hoenning

Cari Amici, abbiamo  tentato di organizzare una bella corsa dei ghepardi non competitiva e competitiva. Il risultato? Silenzio delle istituzioni. Sto ancora aspettando. Nel frattempo, i nostri amici della California l’hanno organizzata…e non ci vuole molto. Seguiremo il loro esempio. Senza aiuti. Sempre da soli, con i nostri Sostenitori. Tutto per la natura, i ghepardi, la nostra Terra, il Futuro.  Il CCF ItaliaMarisa Katnic CCF California


Ecco lo studio sui ghepardi!

http://m.pnas.org/cgi/doi/10.1073/pnas.1611122114

Cliccando sul link si aprirà l’introduzione allo studio!


Un interessante articolo su BBC Science a proposito di …ghepardi!

Cheetah is now ‘running for its very survival’

Media captionEndangered species like the cheetah are being used as pets, as David Shukman reports

Pitiful scenes of cheetah cubs lying emaciated and bewildered highlight one of the cruellest but least-publicised examples of illegal wildlife trafficking.

Baby cheetahs are so prized as exotic pets that entire litters are seized from their mothers when they may only be four to six weeks old.

Each tiny animal can fetch as much as $10,000 on the black market and end up being paraded on social media by wealthy buyers in Gulf states.

But the trade exacts a terrible toll on a species that claims a superlative status as the fastest land animal on the planet but which now faces a serious threat to its survival.

RescuedImage copyrightGÜNTHER WIRTH / CHEETAH CONSERVATION FUND
Image captionThe lucky ones: These young cheetahs were rescued

According to the Cheetah Conservation Fund, some 1,200 cheetah cubs are known to have been trafficked out of Africa over the past 10 years but a shocking 85% of them died during the journey.

Dr Laurie Marker, the trust’s director, describes the horrific conditions involved in shipping the animals from their habitats in northern Kenya, Somaliland and Ethiopia by land and sea to the Arabian Gulf.

“They’re probably just thrown into a crate, living in their own faeces, travelling for days without proper food, and many of them end up dead on arrival at wherever that place would be, and maybe one or two living out of a pile that are dead.”

And those that do make it into the hands of new owners usually die rapidly because they are denied the chance to exercise and are given an inadequate diet.

CheetahImage copyrightRON AUSTING/SCIENCE PHOTO LIBRARY
Image captionThe animal is used to living in huge home ranges of 800 sq km

Dr Marker says that they’re often kept in “chicken coop-sized pens” which are far too small for them.

“And this is an animal that is the fastest land animal that is used to living in huge home ranges of 800 sq km. Most of those cheetahs don’t make it over a two-year period of time in captivity.”

With the total of adult cheetahs living in the wild now numbering less than 7,000, the concern is that seizures of an estimated 200-300 a year could drive some of the remaining populations, which are already diminished, to extinction.

The poaching comes on top of the long-running destruction of the cheetahs’ habitats. The animals tend not to thrive in the confines of national parks where other predators dominate, so they live outside protected areas and are more exposed to conflict with people.

The threat to the cheetah will be raised at the CITES COP17 conference being held in Johannesburg over the next fortnight.

Social media cheetahs
Image caption“You have the car and the boat but nothing tops having an exotic pet”

One criticism of the conservation movement is that it has recently been doing a better job highlighting the plight of the giants of African wildlife, the elephants and the rhinos, compared with other iconic species whose existence is equally at risk.

As a vet working in Kuwait, Jill Mullen saw for herself how easily cheetah cubs were imported despite the existence of controls under the CITES convention.

Now back in the UK, she told me how her surgery would see as many as six cubs in a single day. All of them would be suffering from dehydration, malnutrition and a common virus known as panleukopenia against which the cubs have no immunity.

Usually, only one of the six would survive.

“I would stand on the soapbox to explain to the owners why it was wrong to have these animals as pets, that they’re endangered in the wild, and are not designed to be kept in living rooms and in villas.

“But in the end I had to swallow the feeling that everything was wrong because that was my job.”

Ms Mullen found that most owners did not know about the CITES restrictions or care about them.

Media captionCheetahs being used as pets

“You have the car and the boat but nothing tops having an exotic pet and, if they can buy it, it doesn’t matter about the legality.”

During her time in Kuwait, there was an attempt by the authorities to clamp down, and vets like her were banned from handling cheetahs and other endangered animals. But she believes this drove the trade underground.

On the agenda in Johannesburg is a quest to raise awareness in buyer countries of the dangers the trade poses to the cheetah.

One idea is to persuade internet platforms to join the fight – many carry social media pictures taken by cheetah owners showing off their animals. Others allow dealers to offer cheetah cubs for sale.

Another initiative is to draw up plans for how to handle cheetahs if they are confiscated – if the authorities do get tough, large numbers may suddenly need to be housed.

Already when cheetahs become too big, or their owners find that they cannot care for them, the animals are released into the streets and found dead or weakened.

But there is a sense that time is not on the side of a species whose very fame may be the cause of its demise.

As Dr Marker puts it, “the cheetah is running the most important race of its life, and that’s for its very survival and its survival is in human hands”.


Grazie a tutti! Ce l’abbiamo fatta!

Cari Amici, cari Soci, cari donatori e sponsor!

Ce l’abbiamo fatta. il traguardo dei 225.000 dollari è stato raggiunto grazie al vostro aiuto. Siamo felici perchè, come si usa negli Stati Uniti, alcune persone benestanti appassionate al progetto del Cheetah Conservation Fund si sono impegnate a raddoppiare l’importo se fosse stato raggiunto : e l’abbiamo – l’avete! – raggiunto!

Qui sotto  il link del video di Laurie Marker che vi ringrazia personalmente,

Un caro saluto a tutti!

Betty von Hoenning


Ecco il testo dell’articolo della dr. Laurie Marker su Huffington Post!

Version:1.0 StartHTML:0000000167 EndHTML:0000013511 StartFragment:0000000484 EndFragment:0000013495

Il Consiglio Federale Nazionale (FNC) degli Emirati Arabi Uniti (UAE) ha approvato un disegno di legge che determina il divieto di possedere ghepardi o altri animali esotici  domestici. Secondo un articolo pubbcato lo scorso luglio su  Gulf News , il FNC, che funziona in modo simile al Congresso degli Stati Uniti, sta attualmente rivedendo ulteriormente il disegno di legge, che oltre a regolamentare il commercio di animali da compagnia esotici e selvatici, afferma che i privati privi di licenza, in possesso di questi animali, dovranno consegnarli alle autorità competenti. Avendo collaborato con gli Emirati per aiutarli nella cura di ghepardi tenuti in cattività da privati, accogliamo con molto favore questa iniziativa. Sorge anche l’interrogativo: che ne sarà dei ghepardi tenuti attualmente in cattività negli Emirati? 

INSTAGRAM/HUMAIDALBUQAISH

Anche se i ghepardi non sono aggressivi né pericolosi per l’Uomo come altri grandi felini, si tratta di animali selvatici, inadatti ad essere domestici. Hanno bisogno di spazio per correre e fisicamente deperiscono se non possono fare esercizio, e se non sono nutriti correttamente. I ghepardi hanno necessità nutrizionali diverse da quelle degli animali domestici, che si sono evoluti nella condivisione della propria vita insieme all’Uomo. I ghepardi non si accontentano di sola carne in termini nutrizionali. La  ricerca del 2014, condotta dal CCF in collaborazione con scienziati del Central Veterinary Research Laboratory  di Dubai, dell’ Institute of Animal Nutrition di Zurigo e del  Center for Applied Biotechnology and Molecular Medicine di Zurigo, ha evidenziato che le carenze nutrizionali dovute ad alimentazione inadeguata ai ghepardi ed ad altri grandi felini possono condurre a problemi neurologici. Una dieta composta esclusivamente di carne di pollo o di carne rossa, e priva di un supplemento bilanciato in vitamine, minerali e calcio determina problemi neurologici compresi problemi alla vista, alla deambulazione e a gravi problemi di lungo termine, che infine sfociano anche nella morte.

Parte del nostro lavoro con gli Emirati consiste nell’educazione dei proprietari ad una corretta alimentazione adeguata. Mentre tenere ghepardi in cattività non è certamente auspicabile né per l’animale né per il proprietario, è tuttavia sempre importante che si cerchi di insegnare una corretta alimentazione, uno stile di vita sano ed una progettazione delle strutture dove vivono. A nessuno piace sapere che un ghepardo è morto, sia in cattività che selvatico, visto che le popolazioni sono cosi’ ridotte.

Il commercio clandestino di animali da compagnia consiste nel catturare i cuccioli di ghepardo selvatici ed esportarli fino all’acquirente. La pratica della cattura ed esportazione dei cuccioli ha un impatto importante sulle popolazioni già drasticamente decimate.  Il ghepardo asiatico, già gravemente a rischio estinzione, che percorreva gli areali di 15 paesi dell’Asia Meridionale, comprese alcune zone della Penisola Arabica, è ormai ridotto ad un’ unica minima popolazione di meno di 100 individui. In Africa, la maggiore popolazione di ghepardi selvatici si trova nelle regioni australi, con appena poco piu’ di 4000 individui. Le popolazioni di ghepardi dell’Africa settentrionale, centrale ed occidentale sono ridotte a meno di 500 capi. In Africa orientale, meno di 2000 capi, di cui la maggior parte in Kenya, Tanzania ed Etiopia, vivono in piccole popolazioni frammentarie, e non collegate tra loro. E’ dal Corno d’Africa, regione dell’Africa orientale, che provengono i ghepardi sottratti alla natura che commercializzati illegalmente, non sopravvivono se non in pochissimi al viaggio verso gli acquirenti. Cio’ significa non solo che la popolazione di ghepardi viene ridotta drasticamente, ma che per portare sul mercato un solo individuo, se ne sacrificano almeno 5 durante il transito.

© CCF

Se questa nuova legge verrà varata negli Emirati Arabi Uniti, possiamo prevedere una riduzione delle importazioni e negli acquisti illegali di ghepardi. Noi auspichiamo che molti ghepardi in cattività verranno indirizzati a strutture adeguate e riceveranno le cure che meritano. Quanti siano i ghepardi recuperati, è ancora incerto. Siamo ansiosi di ottenere informazioni per ognuno dei ghepardi liberati cosicchè potremo classificarli nell’  International Cheetah Studbook, un registro di tutti i ghepardi in cattività gestito da me per il  World Association of Zoos and Aquariums (WAZA) fin dalla sua prima compilazione del 1988. Nel 2014, durante un viaggio negli Emirati, abbiamo collaborato alla formazione di veterinari e ricercatori per la raccolta di campioni di sangue, tessuti e sperma da conservare nelle banche dati. Questi campioni ci forniranno il DNA estratto dai campioni di sangue del ghepardo per determinare la sottospecie dell’animale. I campioni di sperma vengono depositati (congelati in azoto liquido) nelle cosiddette GRB, le banche delle risorse di genoma. I campioni in futuro saranno utili per incrementare e mantenere geni sani nelle popolazioni selvatiche ed in cattività.

Dati i cambiamenti comportamentali causati dalla convivenza con gli esseri umani, e talora a causa di problemi di salute che necessitano di cure di lungo termine, il rilascio in natura nella maggior parte dei casi non è possibile. Ne consegue che quando sequestrati negli Emirati, i ghepardi verranno inviati a zoo, centri di riabilitazione o in strutture private autorizzate. Con l’entrata in vigore della nuova legge, in attesa della firma da parte del Presidente Sua Altezza Serenissima Shaikh Khalifa Bin Zayed Al Nahyan, gli Emirati Arabi Uniti dovranno reperire gli alloggiamenti per un grande numero potenziale di ghepardi nel paese. I ricercatori del CCF saranno ben felici di collaborare con le agenzie degli EAU per fornire tutta l’assistenza del caso, per assicurare agli animali salute e accoglienza adeguate.

Laurie Marker, Fondatore e Direttore del Cheetah Conservation Fund

(traduzione di B.von Hoenning)

 



FIROZ SAMA : Continuero’ a contrabbandare animali esotici!

Firoz Sama -
Firoz Sama è un uomo silenzioso, che pubblica foto allarmanti e crude di animali sofferenti sulla sua pagina di Instagram. Recentemente ha aggiunto 4 foto di cuccioli di scimpanzé tenuti prigionieri illegalmente in Africa.

Come sempre, le foto sono state pubblicate senza alcun commento esplicativo. Tuttavia, Firoz ha lasciato sufficienti elementi per arrivare a qualche deduzione. Gli scimpanzé che pubblica sono stati contrabbandati dall’Africa nel 2014-15, e sono arrivati almeno fino al Golfo. Alcuni, forse tutti, sono stati riuniti da un amico della Guinea,  Aboubacar Traore, che li ha tenuti in un semplice rifugio a Kinshasa, nella Repubblica Democratica del Congo (DRC), che abbiamo soprannominato la “Stanza Blu”, Blue Room.
Abbiamo dedotto tutto cio’ senza comunicare direttamente con Firoz. Le prove fornite dalle foto e da informazioni di terzi sono sufficienti per collegare i fatti. La settimana scorsa, tuttavia, Firoz ha abboccato e ci ha risposto su una Chat di un Social. Pur evitando riferimenti diretti ai cuccioli della Stanza Blu, è arrivato a chiarire che è stato implicato nel contrabbando degli animali, e non ha alcuna intenzione di smettere.
“Se c’è chi vende, noi compriamo” ha scritto.
Firoz ha anche sottolineato quanto detto da altri, che spediscono animali rari in tutto il mondo contravvenendo alla  CITES  e ad altre normative: in realtà, lui li salva da un destino molto peggiore. “Guardatevi intorno, in Africa….che cosa succede…” ha obiettato provocatoriamente.

Insomma,Firoz si presenta astutamente non come finanziatore di una banda di cacciatori clandestini di animali selvatici africani, ma piuttosto come una specie di salvatore di specie esotiche. Firoz Sama incappa in piccoli scimpanzé orfani in condizioni di tremenda prigionia nella DRC, poi li porta via verso un futuro luminoso in città come Dubai, dove sono accolti, nutriti e persino vestiti.

Certo, bersi queste affermazioni significa ignorare il ruolo di un intermediario abilitato come Firoz, e soprattutto, il potere dei soldi. La triste Stanza Blu con i suoi scimpanzé non esiste per il piacere di esistere – esiste perchè all’estero ce n’è richiesta. Se Firoz e un paio di altri non avessero inviato denaro con la promessa di altri pagamenti, non ci sarebbero stati animali da salvare.

I trafficanti e gli intermediari sono compratori, e pur non essendo i compratori finali, sono loro che promuovono il business. Nessuna persona informata potrebbe concepire che un tipo come Firoz possa essere considerato un “salvatore”, ma probabilmente ha utilizzato questo mezzo con molti, e molti forse la bevono. I suoi amici su Facebook comprendono molte persone che si occupano di benessere animale.

Tamila Basmanova, una trafficante che è stata arrestata per aver tentato di contrabbandare gibboni in Kuwait, ha assunto lo stesso atteggiamento di difesa quando ha parlato con noi alcune settimane fa. A quanto pare, i gibboni stanno meglio se vestiti e mostrati nella calura rovente del Kuwait piuttosto che lanciandosi dagli alberi nella rigogliosa foresta indigena.
“In Kuwait gli animali sono piu’ al sicuro che in altri paesi perchè la gente è ricca e istruita”, scrive.

Firoz ha insistito su un altro punto,laddove noi riteniamo i commercianti di animali illegali dei fuorilegge: fondamentalmente, lasciateci in pace, e pensate ai veri colpevoli. I veri colpevoli, secondo Firoz, sono i ricchi collezionisti di animali alla fine della catena di forniture, nel Medio Oriente, in Asia e altrove. “Dovete proprio venire nel Golfo,” afferma.
L’abbiamo fatto, ma abbiamo scoperto subito che le porte dei collezionisti non si aprono a gente che è in odore di tutela animale. E non esiste ancora un’azione visibile da parte delle autorità del Golfo che veramente voglia bloccare il flusso di animali esotici illegali nella regione, nonostante qualche  dichiarazione farcita di belle parole sui loro preparativi per combattere i bracconieri e i loro clienti.

Il fatto che Firoz Sama ci abbia parlato, la dice lunga. Anche se è un contrabbandiere, si sente sufficientemente al sicuro nella sua base operativa nel Golfo, da poter ammettere cio’ che effettivamente fa. Vede poche possibilità, o nessuna, di essere arrestato. E ha chiarito apertamente che se dipenderà da lui, il commercio orribile continuerà.  Le prove  venute a galla sono dimostrate dal suo partner africano che ha già rifornito la sua struttura con un nuovo gruppo di piccoli scimpanzé ; la comparsa di foto allettanti dei piccoli su Instagram – pur non provando successi del passato – provano che un altra spedizione aerea verso il Golfo è imminente. E’ un modo speciale per dirci di non sprecare il nostro tempo cercando di fermarlo.

Sovrastando il chiasso di governi e ONG che proclamano la loro  “opposizione ferma” contro il traffico di animali , un pugno di criminali ci ride

I am not a pet!

I am not a pet!

in faccia.

#wildlife#illegal pet traffic#Emirates#Gulfstates#illegal hunters